NasKart: è tutto vero!

A Viterbo, in occasione dell’ultimo round del campionato, sono stati consegnati i premi messi in palio per i vincitori delle tre classifiche NasKart grazie al patrocinio della NASCAR Whelen Euro Series.

In questo modo, Gianmarco Ercoli, Onofrio Veneziani e tutto lo staff di NasKart: Road to NASCAR Whelen Euro Series hanno ufficialmente chiuso la prima stagione della serie. Dunque, dopo aver rispettato le grandi attese iniziali, Ercoli e Veneziani hanno voluto esprimere il proprio giudizio sul primo anno di vita del campionato.

Gianmarco Ercoli

«E’ stata una stagione davvero emozionante. Da pilota ed ex kartista per me è stata un’emozione indescrivibile vedere i piloti schierati per la partenza della prima gara. E’ una sensazione molto particolare quella di trovarsi dall’altra parte della barricata, ma sono felice di aver dato a dei piloti una chance di potersi costruire un futuro nell’automobilismo».

«Abbiamo vissuto tanti bei momenti insieme e per questo voglio ringraziare la NASCAR Whelen Euro Series per aver creduto nel progetto, gli sponsor, i piloti, i meccanici, i miei collaboratori e tutti coloro che hanno contribuito a trasformare questo sogno in realtà. Non mi resta che dare il benvenuto a Moreno Di Silvestre nel team Racers».

Onofrio Veneziani

«NasKart ha portato la filosofia delle gare americane NASCAR nel mondo del kart. Sono orgoglioso di aver contribuito a questo avvenimento. E’ stato un anno molto bello dettato da una sfida tecnica stimolante, ovvero quella di mettere tutti sullo stesso livello tecnico evitando imprevisti e rotture. In questo è stato fondamentale l’apporto di Modena Engines, Righetti Ridolfi e Dunlop: fornitori di propulsori, telai e gomme».

«La vittoria di Moreno Di Silvestre dimostra che… il sogno americano ancora esiste. Il 2018 è giunto ormai ai titoli di coda ma, prima di decretare la fine, c’è ancora il test collettivo con la Ford Mustang del team Racers impegnata nella NASCAR Whelen Euro Series per tutti i piloti che hanno preso parte al campionato NasKart».